Commentary on Political Economy

Friday 3 May 2024

CAPITALISM IS NOT OUR FATE

 

La cassiera del supermercato assunta con un soliloquio di lavoro

desc img

In una delle più illuminanti interviste dell’anno, quella rilasciata al Corriere dalla cassiera di supermercato Cristina, c’è un passaggio che lascia di stucco. Ed è quando la giovane milanese, licenziatasi a causa di problemi legati alla postura fisica (mancanza di sgabelli adatti) ed emotiva (nausea per l’insensibilità di superiori, colleghi e clienti), racconta a Giampiero Rossi che il suo primo colloquio di lavoro fu in realtà un soliloquio. 

Aveva quindici secondi di tempo per leggere la domanda e trenta per videoregistrare la risposta che qualcuno, chissà chi e chissà dove, avrebbe poi vagliato. Sorvolando sulla condizione innaturale di un candidato costretto a dialogare con un interlocutore inesistente, chi di noi sceglierebbe un amore, un amico, ma anche un cuoco o un infermiere in questo modo? 

Come si fa a cogliere la preparazione e l’indole di uno sconosciuto ascoltandone delle frasi videoregistrate in risposta a domande standard? Che cosa si potrà mai capire da un esame che non prevede relazione tra esseri umani ed è persino più sbilanciato dei test, perché qui una delle due parti, quella più debole, ci mette la faccia? Sembra quasi che, per portarsi avanti col lavoro, prima di rimpiazzare i dipendenti con i robot si voglia già cominciare a trattarli come tali.

Gli esperti diranno che questo sistema di preselezione serve a «ottimizzare» tempo e risorse. Ma, ormai si è capito, ottimizzare il mondo è il modo migliore per renderlo un posto peggiore.

Il Caffè di Gramellini vi aspetta qui, da martedì a sabato. Chi è abbonato al Corriere ha a disposizione anche «PrimaOra», la newsletter che permette di iniziare al meglio la giornata. Chi non è ancora abbonato può trovare qui le modalità per farlo e avere accesso a tutti i contenuti del sito, tutte le newsletter e i podcast, e all’archivio storico del giornale.

3 mag 2024 | 07:14

© RIPRODUZIONE RISERVATA

No comments:

Post a Comment